Money management: meglio avere paura che perdere i soldi

Money Management
Money Management

C’è un proverbio che afferma come sia meglio aver paura che buscarle. La semplicità popolare è il genio interiore che non dobbiamo mai trascurare: le basi del mestiere. Il trading è un mestiere, serio e appassionante, che richiede studio, applicazione e autocontrollo. Il controllo è tutto, a cominciare da ciò che ti può farti sentire un eroe o un fallito: i soldi.
La parola d’ordine da tenere a mente è money management e va scritta con le lettere maiuscole, perché è uno strumento maiuscolo, indispensabile. Nella vita, prima di fare il bene, dobbiamo evitare di combinarne troppe, cioè di fare il male, e qui vale la stessa regola: prima di guadagnare devi pensare a non perdere. Anche nel trading.
Il money management  è un concetto tramite il quale si va a identificare l’insieme di regole finalizzate alla gestione corretta del proprio patrimonio da investire. Lo affermava anche un certo Warren Buffett considerato il più grande vaule investor: “Prima regola: non perdere soldi. Seconda regola: ricorda la prima regola”. Tutto qua. Tradotto nel vernacolo popolare: meglio avere paura che buscarne.
Ed allora occore tenere questo concetto di money management ben stretto quando si va ad investire nel trading. Che notoriamente è un campo minato nel quale si possono perdere molti soldi.

Cos’è il Money Management

Da definizione si parla del complesso di regole e comportamenti che devono essere adottati per preservare il più possibile il proprio patrimonio: d’altra parte salvo casi più unici che rari, chi investe nel trading avrà un capitale limitato quindi ogni decisione deve essere presa dopo attenta analisi e con la giusta responsabilità.
Cosa faremmo se ci rendessimo conto di aver investito il nostro denaro in modo non corretto? Le regole di base del money management ci impongono esattamente di non investire mai cifre più alte di quello che potremmo permetterci; di centallinare anzi gli investimenti ed andare a diversifiicarli, come ci è stato insegnato da brave formichine. In inglese to manager vuol dire amministrare; money non ha bisogno di traduzione. Ecco quindi il significato corretto di money management: amministrare al meglio i propri soldi, non essere avventati nell’andare ad investirli.

Conoscere il limite di perdita che si può sopportare

Ed allora ecco che un investitore deve porsi la fatidica domanda: quanta parte del capitale voglio investire su un dato strumento finanziario? Quale sarebbe il limite di perdita che riuscirei a sopportare e gestire? Ecco cosa vuol dire gestire al meglio i propri soldi da investire, e quindi money management.
Un qualcosa che ricorda la regola che tutti conoscono, anche gli investitori meno avvezzi, perchè è la prima che ti inculcano: diversificare il più possibile ed evitare quindi di fare all in, come si dice in gergo pokeristico. Ovvero, puntare tutto il proprio budget a disposizione su un unico prodotto finanziario.

Il money Management nel Trading

Questi infantilismi di maniera conducono dritti al baratro, matematico. Vediamo allora come applicare il concetto di money management quando si procede ad investire in rete sul trading online. Si tratta di adottare criteri infallibili e razionali per investire il proprio denaro: in sostanza massimizzare il rendimento ponderato sul rischio.
Devi aprire un conto con quei soldi che puoi utilizzare e perdere senza perdere neanche un nanosecondo del tuo sonno notturno. Devi aprire un account gestibile anche psicologicamente, usa i soldi come leva della tua adrenalina, non come potenziale guerra al tuo assetto emotivo, che deve rimanere stabile e saldo in ogni istante che fai trading. E, last but not least, regola d’oro del money management, occupati di percentuali: non investire mai oltre il 5% del tuo capitale, e quando diciamo il 5% ci si sta tenendo anche larghi: in realtà il manuale del trader coraggioso e prudente e dice 2%, con quasi matematica stabilità.
Così poco? – Domanda il trader prossimo al lutto finanziario. Sì, così poco per durare tanto, perché la prima regola del successo nella vita non è arrivare, ma durare. Ed è questa la filosofia di base del money management che in certi casi può salvare la vita ad un investitore.

 

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento
Gianpaolo Battaglia

La scrittura è l’ignoto. Prima di scrivere non si sa niente di ciò che si sta per scrivere e in piena lucidità.” (cit.) Il mio obiettivo è cercare di far luce su tematiche complesse quali quelle di natura economica.