La mia esperienza con il Forex: tra perdite e vincite

Lavoro trader
Lavoro di trader

Spinto in parte da alcune conversazioni intrattenute con degli amici e sollecitato dalla curiosità che da tempo provavo per questa attività, ho deciso finalmente di aprire un account presso un broker specializzato nel Forex, il mercato dello scambio delle valute internazionali su internet.
Devo ammettere che inizialmente ho avuto alcuni dubbi circa l’attivazione o meno del conto: sono infatti numerosi i detrattori del trading online, che viene spesso considerato una sorta di gioco d’azzardo con il quale si rischia di perdere in modo rapido delle somme di denaro, senza l’effettiva possibilità di accumulare i guadagni promessi.
Prima di iniziare, ho dedicato del tempo alla scelta della piattaforma più affidabile, leggendo con attenzione le recensioni degli utenti presenti su internet e confrontando tra loro le caratteristiche dei vari broker.
Ho così appreso che è opportuno affidarsi esclusivamente a quelli dotati di una licenza erogata dagli enti di regolamentazione finanziaria: in questo modo, si è sicuri di investire i propri soldi in una società trasparente e corretta.

La scelta del forex broker

Tra i vari broker disponibili ne ho scelto uno, senza fare nomi, che mi dava le maggiori garanzie: una piattaforma che colleziona numerosi consensi tra i trader di tutto il mondo.
Ho aperto un account versando un primo deposito di 100 euro, dopo aver inviato i documenti scansionati via email, ed ho ricevuto così un bonus di 25 euro che si sono aggiunti al capitale iniziale.
Ancor prima di iniziare l’attività di trading, ho dedicato alcune ore al giorno delle prime due settimane ad acquisire familiarità con le funzioni dell’interfaccia utilizzando un conto demo: questa modalità consente di usufruire di importi virtuali illimitati, acquisendo così pratica nella gestione degli ordini.

Le funzioni del trading automatico:

Ho imparato in questo modo ad utilizzare le funzioni del trading automatico, come il take profit e lo stop loss, nonché a comprendere il meccanismo di guadagno con le valute per mezzo dell’apertura di posizioni lunghe e corte.
Dopo 14 giorni di esercitazioni, affiancate dallo studio del materiale didattico messo a disposizione dal broker sotto forma di webinar, ebook e video tutorial, ho ritenuto di essere sufficientemente competente per affrontare le turbolenze dell’oceano del trading online sul Forex.

Il passaggio ai soldi reali:

Inizialmente la sensazione di impiegare importi reali, invece di quelli virtuali, mi ha lasciato leggermente spiazzato: ho avuto modo di provare quanto sia importante sin da subito gestire le emozioni con il trading, soppesando con razionalità tutte le variabili in gioco ed affidandomi a strategie elaborate in base a dati concreti, frutto dell’analisi tecnica con gli strumenti integrati alla piattaforma.
La tentazione di improvvisare seguendo unicamente l’impulso è stata forte, tuttavia ho cercato il più possibile di attenermi alle linee guida apprese durante la fase formativa.
Il risultato è stato positivo: durante la prima settimana di trading ho realizzato dei guadagni costanti, operando soprattutto sulla coppia EUR/USD, ossia euro / dollaro statunitense, le cui caratteristiche conoscevo piuttosto bene.

Perdite e vincite: tutto nella norma

Sono quindi seguite alcune sessioni negative, che non mi hanno tuttavia particolarmente preoccupato: nel Forex è importante saper gestire i passivi, che sono fisiologici, visto che ciò che importa veramente è il bilancio nel medio e lungo termine, e non anto quello giornaliero.
Questo è uno dei principi del cosiddetto “money management“, ossia la gestione oculata e razionale del capitale: investendo degli importi mai superiori al 5% dell’intero deposito e affidandosi a piani d’azione preventivamente ideati si possono ottenere dei profitti interessanti e regolari.

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento

Scrittrice, blogger, appassionata e curiosa di tutto ciò che mi circonda.