Il Social Trading: l’ascesa di questo sconosciuto

Social Trading
Social Trading

Conosciamo ormai il trading online e ne abbiamo sviscerato vizi e virtù; quale delle due peculiarità prevalga non spetta certo a noi dirlo. Sicuro è che quando ci si accosta a questa forma di investimento bisogna farlo con la massima attenzione.
Abbiamo il nostro bel pc, la nostra connessione alla rete e abbiamo scelto la piattaforma di trading cui affidarci. Ebbene siamo solo all’inizio. Ora dobbiamo iniziare a effettuare gli investimenti. A muovere i soldi sul web. Fattore che presenta rischi altissimi, come abbiamo spesso evidenziato e che quindi non ripeteremo qui in questo contesto.
Qui oggi si parla di Social Trading: un concetto relativamente nuovo nel mercato del trading online. Il mondo è ormai social, a tutti gli effetti: i social network hanno invaso tutti gli angoli della nostra vita. E allora perchè escludere il trading da questa tendenza?

Cos’è il Social Trading:

Ma cos’è questo Social Trading? Letteralmente è un qualcosa che consente ai traders online di accedere a dati, statistiche, numeri raccolti da altri traders più noti. Il tutto con lo scopo di sfruttare l’esperienza collettiva altrui e le conoscenze di migliaia di altri investitori di tutto il mondo.
Ciò avviene sfruttando l’esperienza dei social network, un universo parallelo dove ciascuno può comunicare direttamente con altri utenti pur a migliaia di chilometri. In sintesi il Social Trading permette di fornire ai traders analisi tecniche che fanno capo a traders noti della rete.
Un mondo virtuale e multimediale dove ciascun trader può interagire direttamente con gli altri, visionare le operazioni già piazzate da altri traders e rimetterle in pratica. In sostanza, si vanno ad apprendere le strategie dei grandi traders e si cerca di ricopiarle.
Si tratta quindi di libero accesso alle informazioni usufruendo di una piattaforma per lo scambio tra investitori singoli; si vanno a cercare quelli che sono i traders in grado di piazzare operazioni vincenti e si tenta di eguagliarne le imprese ispirandosi alle loro tecniche.

I rischi del Social Trading:

Il tutto è sinonimo di successo? Assolutamente no. Non è detto che una strategia che una volta ha dato buoni esiti ad un dato trader dall’altra parte del mondo possa essere altrettanto vincente se ripetuta da qualcun’altro. È importante specificarlo onde evitare di cadere nell’errore.
Non esiste una certezza nel fare trading online. Copiare tecniche utilizzate da altri non è una strategia sicuramente efficace per arrivare a dama. Certo può farci crescere, può aiutarci a comprendere il meccanismo, a capire come ragiona qualcuno con più esperienza di noi. In sostanza deve essere visto come un momento didattico, di ispirazione.
Non come una formula magica da applicare per guadagnare: sarebbe come se qualcuno ci fornisse i numeri del Lotto assicurandoci che siano quelli vincenti. Che se avesse questa certezza poi, sicuramente li terrebbe per sè anzichè darli in giro.
Il trading online è un investimento e in quanto tale, alla fine il banco vince sempre più degli altri.

Le reti di Social Trading

Oggi in rete esistono diverse reti di social trading che offrono funzionalità molteplici: sono molti i broker che si sono buttati sul Social Trading in vario modo. Alcuni danno un premio ai loro iscritti in base ai profitti generati, altri anche per la gestione delle operazioni con un approccio a basso rischio.
Alcuni network mettono a disposizione del trader una griglia con un tot di traders selezionati i quali hanno utilizzato un approccio di gestione del denaro già testato.
Come quando si va a scegliere una piattaforma per fare trading online, lo abbiamo speso detto, anche per il network di social trading è imprescindibile valutare un aspetto fondamentale: la possibilità di operare con un conto demo così da impratichirsi e non iniziare a utilizzare da subito soldi reali.
Il tutto ci aiuterà a capire come funziona questo strumento e quali sono i rischi principali: che buttare i propri soldi è un rischio che ogni trader deve sempre mettere in preventivo.

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento

Giornalista di inchiesta, blogger. Appassionato di investimenti e di Trading Online.